©2011 Comune di Mareno di Piave (TV) - Tutti i diritti riservati

seguici su Facebook
sei in:  NOTIZIE E AVVISI  -  Notizie e Avvisi  -  Andiamo a teatro!
Share |
10 maggio 2017

Andiamo a teatro!

Rassegna teatrale per bambini organizzata dal Comune di Mareno di Piave, Assessorato alla Cultura, Biblioteca Comunale.
Martedì 6-13-20 giugno 2017 ore 20.30 - Giardino del Centro Culturale "Conti Agosti".
Le famiglie si siederanno sul prato pertanto si consiglia di portarsi un plaid, in caso di maltempo gli spettacoli si terranno all'interno del Centro Culturale.
Ingresso Libero
Per info: Biblioteca Comunale 0438 308747

Martedì 6 giugno 2017 ore 20.30
Spettacolo PETER PAN di James Matthew Barrie

Produzione: L’albero magico e Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte Adattamento: Francesca Zava
Regia: Francesca Zava
Interpreti: Katiuscia Bonato, Luca Da Lozzo, Federica Girardello, Silvio Pasqualetto, Francesca Zava


I Darling sono una famiglia londinese composta dai genitori Mary e George e dai loro tre bambini Wendy, Gianni e Michele; una famiglia tranquilla ma molto, molto particolare: non passano di certo inosservati davanti ai vicini, a maggior ragione dopo che hanno scelto per bambinaia Nana, niente di meno che un gigantesco cane terrannova!
Peter è un bambino che non vede di buon occhio le madri, che non vuole crescere e vuole sempre divertirsi: lui stesso è fuggito dalla sua famiglia molto tempo addietro e adesso abita all’Isolachenoncè, dove vive avventure meravigliose in compagnia di personaggi e creature altrettanto fantastiche, senza dover mai crescere.
Proprio in questo luogo incantevole Peter conduce Wendy, Gianni e Michele: una sera in cui i Darling sono usciti per una festa e Nana è incatenata nel cortile.


Martedì 13 giugno 2017 ore 20.30
Spettacolo PINOCCHIO di Carlo Collodi

Produzione: Albero Magico e Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte Adattamento: Francesca Zava
Regia: Francesca Zava e Katiuscia Bonato
Interpreti: Katiuscia Bonato, Irene Casagrande, Silvio Pasqualetto, Francesca Zava


Pinocchio, ispirato a “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino” di Carlo Collodi. La storia raccontata, come ben sappiamo, è quella delle avventure di un burattino di legno che, in un lungo e tormentato percorso di maturazione, riesce infine a diventare un bambino vero. Tutto ha inizio quando, nella propria bottega, il falegname mastro Ciliegia si rende conto che il ciocco di legno che si sta accingendo a lavorare per ricavarne la gamba di un tavolino è animato e in grado di parlare. Spaventato da questa situazione, mastro Ciliegia decide di rifilare il legno incantato al suo amico Geppetto, desideroso di costruirsi un burattino per riuscire a guadagnare qualcosa.
È grande la sorpresa di Geppetto quando viene a conoscenza del fatto che il proprio burattino può muoversi e parlare; eppure Pinocchio evidenzia subito la propria inclinazione a compiere delle marachelle infatti scappa dal babbo e inizia il suo viaggio.
Ad accompagnarci tra le avventure e le disavventure di Pinocchio, ci sarà la Fata turchina, i furfanti Gatto e Volpe, Mangiafuoco, Lucignolo e molte altre creature fantastiche. Si parlerà di mistero, di paure, di gioia, di stupore, d’inganno, di affetto, il tutto condito da ironia e da una nota di realismo che, comunque, permeava il testo di Collodi.

Martedì 20 giugno 2017 ore 20.30
Spettacolo ALADINO di autori sconosciuti, storia tramandata oralmente.

Produzione: Albero Magico e Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte
Regia di Mirko Bottega
Interpreti: Marta Gasparini, Alessandro Mariot, Mirko Bottega, Andrea Lorenzon


Questa storia ispirata alla celebre favola raccolta in “Le Mille e una notte”, narra di un giovane di nome Aladino che nella città di Agrabah nel cuore dell'Arabia Medio Orientale vive a stento e rubando per potersi sfamare.
Nel frattempo la giovane principessa Jasmine figlia del sultano, dopo l'ennesima offerta di matrimonio scappa da palazzo e dalla sua vita di corte fatta di etichette e imposizioni ed è qui che incontra Aladino che la salva da un mercante al quale non aveva pagato una mela.
I due giovani entrano subito in sintonia ma le guardie arrestano Aladino che verrà sfruttato dal Gran visir Jafar per recuperare una lampada magica nella caverna delle meraviglie in quanto Aladino è l'unico degno di entrarvi perché dotato un cuore puro. Prima che consegni la lampada a Jafar Aladino resta intrappolato nella grotta e dopo una fortuita sfregatina alla lampada appare a lui un Genio che gli permette di esprimere tre desideri.